Che cosa crede John Piper del dispensazionalismo, della teologia delle alleanze e della nuova teologia delle alleanze?

Esistono tre principali campi teologici sui temi della legge, del Vangelo e della strutturazione della relazione redentrice di Dio con l'umanità: dispensazionalismo, teologia delle alleanze e nuova teologia delle alleanze. Molti ci hanno scritto chiedendo delle differenze tra queste tre opinioni, e quindi prima di discutere della prospettiva di John Piper daremo una panoramica di ciascuna.

dispensationalism

Può essere difficile riassumere la teologia dispensazionale nel suo insieme perché negli ultimi anni si sono sviluppate molteplici forme di essa. In generale, ci sono tre principali elementi distintivi.

In primo luogo, il dispensazionalismo vede Dio come strutturare il suo rapporto con l'umanità attraverso diverse fasi di rivelazione che segnano diverse dispense o disposizioni di amministrazione. Ogni dispensazione è una "prova" dell'umanità per essere fedele alla particolare rivelazione data in quel momento. In genere, si distinguono sette dispensazioni: innocenza (prima della caduta), coscienza (Adamo a Noè), governo (Noè a Babele), promessa (Abramo a Mosè), Legge (Mosè a Cristo), grazia (Pentecoste al rapimento), e il millennio.

Secondo, il dispensazionalismo sostiene un'interpretazione letterale della Scrittura. Ciò non nega l'esistenza di figure retoriche e linguaggio non letterale nella Bibbia, ma piuttosto significa che c'è un significato letterale dietro i passaggi figurativi.

Terzo, come risultato di questa interpretazione letterale della Scrittura, il dispensazionalismo mantiene una distinzione tra Israele (anche credendo in Israele) e la chiesa. Da questo punto di vista, le promesse fatte a Israele nell'OT non erano intese come profezie su ciò che Dio avrebbe fatto spiritualmente per la chiesa, ma saranno letteralmente adempiute da Israele stesso (in gran parte nel millennio). Ad esempio, la promessa della terra viene interpretata nel senso che Dio un giorno ripristinerà pienamente Israele in Palestina. Al contrario, i non dispensazionisti in genere vedono la promessa della terra come intesa da Dio di profetizzare, nella forma oscura dell'Antica Alleanza, la più grande realtà che un giorno renderebbe l'intera chiesa, ebrei e gentili, eredi di tutto il mondo rinnovato ( cfr Romani 4:13).

In molti modi è quindi esatto affermare che il dispensazionalismo crede nei "due popoli di Dio". Sebbene sia ebrei che gentili siano salvati da Cristo attraverso la fede, credere che Israele sarà il destinatario di ulteriori promesse "terrene" (come la prosperità nel terra specifica della Palestina, da realizzare pienamente nel millennio) che non si applica ai credenti Gentili, la cui eredità primaria è quindi "celeste".

Teologia del patto

La teologia dell'alleanza crede che Dio abbia strutturato il suo rapporto con l'umanità mediante alleanze piuttosto che dispensazioni. Ad esempio, nella Scrittura leggiamo esplicitamente di varie alleanze che funzionano come le tappe principali della storia redentrice, come l'alleanza con Abramo, il dono della legge, l'alleanza con David e la nuova alleanza. Queste alleanze post-caduta non sono nuove prove della fedeltà dell'uomo a ogni nuova fase della rivelazione (come lo sono le dispensazioni nel dispensazionalismo), ma sono piuttosto diverse amministrazioni della singola alleanza generale di grazia.

L'alleanza di grazia è una delle due alleanze fondamentali nella teologia delle alleanze. Struttura la relazione di Dio post-caduta con l'umanità; prima della caduta, Dio ha strutturato il suo rapporto con l'alleanza delle opere. L'alleanza di grazia è meglio compresa in relazione all'alleanza delle opere.

L'alleanza delle opere, istituita nel Giardino dell'Eden, era la promessa che l'obbedienza perfetta sarebbe stata premiata con la vita eterna. Adamo fu creato senza peccato ma con la capacità di cadere nel peccato. Se fosse rimasto fedele nel tempo della tentazione nel Giardino (il "periodo di prova"), sarebbe stato reso incapace di peccare e assicurato in un diritto eterno e infrangibile con Dio.

Ma Adamo peccò e spezzò l'alleanza, e quindi assoggettò se stesso e tutti i suoi discendenti alla pena per aver infranto l'alleanza, la condanna. Dio nella sua misericordia ha quindi istituito l '"alleanza di grazia", ​​che è la promessa della redenzione e della vita eterna a coloro che avrebbero creduto nel (prossimo) redentore. Il requisito di perfetta obbedienza per la vita eterna non è annullato dall'alleanza di grazia, ma è piuttosto soddisfatto da Cristo per conto del Suo popolo, poiché ora che tutti sono peccatori nessuno può soddisfare la condizione di perfetta obbedienza con la propria esibizione. L'alleanza di grazia, quindi, non annulla l'alleanza delle opere, ma piuttosto la adempie.

Come accennato in precedenza, la teologia del patto sottolinea che esiste un solo patto di grazia e che tutte le varie alleanze redentrici di cui leggiamo nella Scrittura sono semplicemente amministrazioni diverse di questo unico patto. A sostegno, si sottolinea che un'alleanza è in sostanza semplicemente una promessa data sovranamente (di solito con stipulazioni), e poiché esiste una sola promessa di salvezza (vale a dire, per grazia attraverso la fede), ne consegue che esiste quindi una sola patto di grazia. Tutte le specifiche alleanze redentrici di cui leggiamo (l'Abraico, il Mosaico, ecc.) Sono espressioni varie e culminanti dell'alleanza di grazia.

Nuova teologia del patto

La nuova teologia del patto in genere non si attiene a un patto di opere o ad un patto generale di grazia (sebbene continuerebbero a sostenere solo una via di salvezza). La differenza essenziale tra New Covenant Theology (di seguito NCT) e Covenant Theology (CT), tuttavia, riguarda la Legge mosaica. CT sostiene che la Legge mosaica può essere divisa in tre gruppi di leggi: quelli che regolano il governo di Israele (leggi civili), leggi cerimoniali e leggi morali. La legge cerimoniale e civile non sono più in vigore perché la prima era adempiuta in Cristo e la seconda si applicava solo alla teocrazia di Israele, che ora è defunta. Ma la legge morale continua.

NCT sostiene che non si può dividere la legge in quel modo, come se una parte della Legge mosaica potesse essere abrogata mentre il resto rimane in vigore. La Legge mosaica è un'unità, dicono, e quindi se una parte di essa viene cancellata, tutta deve essere cancellata. Inoltre, dicono che il Nuovo Testamento insegna chiaramente che la Legge mosaica nel suo insieme è sostituita in Cristo. In altre parole, non è più la nostra fonte di guida diretta e immediata. La Legge mosaica, come legge, non è più vincolante per il credente.

Questo significa che i credenti non sono vincolati da alcuna legge divina? No, perché la Legge mosaica è stata sostituita dalla legge di Cristo. NCT fa una distinzione tra l'eterna legge morale di Dio e il codice in cui Dio ci esprime quella legge. La Legge mosaica è un'espressione della legge morale eterna di Dio come un particolare codice che contiene anche regole positive pertinenti al particolare scopo temporale del codice, e quindi la cancellazione della Legge mosaica non significa che la legge morale eterna sia essa stessa annullata. Piuttosto, cancellando la Legge mosaica, Dio ci ha dato un'espressione diversa della sua eterna legge morale - vale a dire, la Legge di Cristo, consistente nelle istruzioni morali dell'insegnamento di Cristo e del Nuovo Testamento. La questione chiave che NCT cerca di sollevare è: dove guardiamo per vedere l'espressione dell'eterna legge morale di Dio - guardiamo a Mosè o a Cristo? NCT dice che guardiamo a Cristo.

Esistono molte somiglianze tra la Legge di Cristo e la Legge mosaica, ma ciò non cambia il fatto che la Legge mosaica sia stata cancellata e che, pertanto, non dobbiamo cercare una guida diretta ma piuttosto il Nuovo Testamento. Ad esempio, Inghilterra e Stati Uniti hanno molte leggi simili (ad esempio, l'omicidio è illegale in entrambi i paesi). Tuttavia, gli inglesi non sono soggetti alle leggi degli Stati Uniti, ma dell'Inghilterra. Se un cittadino inglese uccide in Inghilterra, è ritenuto responsabile della violazione della legge inglese contro l'omicidio, non della legge americana contro l'omicidio.

Il vantaggio di NCT, sostengono i suoi sostenitori, è che risolve la difficoltà di cercare di capire quale delle leggi mosaiche si applichi a noi oggi. Sulla base della loro comprensione, poiché la Legge mosaica non è più una fonte di guida diretta e immediata, guardiamo alla Legge di Cristo per la nostra guida diretta. Sebbene la Legge mosaica non sia più un codice di legge vincolante nell'era di NT, ha ancora l'autorità, non della legge, ma della testimonianza profetica. Come tale, si riempie e spiega alcuni concetti sia nella vecchia che nella nuova legge del patto.

Posizione di John Piper

John Piper ha alcune cose in comune con ognuna di queste opinioni, ma non si classifica in nessuno di questi tre campi. È probabilmente il più lontano dal dispensazionalismo, sebbene sia d'accordo con il dispensazionalismo che ci sarà un millennio.

Molti dei suoi eroi teologi sono stati teologi dell'alleanza (ad esempio, molti dei puritani), e vede qualche merito nel concetto di un'alleanza di opere pre-caduta, ma non ha preso posizione sulla loro specifica concezione del patto di grazia.

Per quanto riguarda le sue opinioni sulla Legge mosaica, sembra più vicino alla nuova teologia delle alleanze che alla teologia delle alleanze, anche se ancora una volta non avrebbe funzionato per dire che rientra esattamente in quella categoria.

Ulteriori risorse

Sulla teologia dell'alleanza:

O. Palmer Robertson, Cristo delle alleanze

Westminster Confession of Faith, capitolo 7

Louis Berkhof, Teologia sistematica

Charles Hodge, Teologia sistematica

Sul dispensazionalismo :

Craig Blaising e Darrell Bock, Dispensazionalismo Progressivo

Vern Poythress, Comprensione dei dispensazionalisti

Sulla nuova teologia del patto :

Sound of Grace

Cos'è la nuova teologia del patto?

Pagina di teologia della nuova alleanza di Sola Gratia

John Reisenger, i quattro semi di Abramo

Tom Wells e Fred Zaspel, New Covenant Theology: Description, Definition, Defence

Su una teologia biblica della Legge mosaica :

Tom Schreiner, La legge e il suo adempimento

Frank Thielman, Paul e la legge

Wayne Strickland, ed., Five Views on Law and Gospel

Raccomandato

Vuoi sederti ai piedi di Gesù?
2019
Le leggi della fisica come Dio
2019
The Legacy of John Piper in the Lives of Real People (Video Tribute)
2019