Quattro verità sulla disposizione di Dio

Quando riponi la tua fede in Cristo, Dio si impegna a proteggere, provvedere e prendersi cura di te (Filippesi 4:19). Dio provvede sempre ai suoi figli, sebbene spesso non sia come ci aspettiamo o speriamo.

La sfida è per noi vedere le sue prestazioni e cure, anche quando è diverso da quello che ci aspettiamo. Poiché Dio è Dio, le sue vie sono più alte delle nostre vie (Isaia 55: 9). Ma ci dà cortesemente una visione di ciò che sta facendo nelle Scritture.

John Piper dice: "Dio fa sempre 10.000 cose nella tua vita, ma potresti esserne consapevole tre." Più e più volte, i discepoli di Gesù hanno mancato ciò che stava facendo proprio di fronte a loro. Hanno perso il punto dei miracoli. Hanno perso le lezioni. Il che dovrebbe darci speranza per la nostra mancanza di chiarezza oggi. Ecco quattro importanti incoraggiamenti su come Dio provvede e si prende cura di te.

1. Dio può provvedere diversamente da quanto ci aspettiamo

Gli israeliti sfuggirono alla prigionia in Egitto solo per affrontare le sfide del deserto. Una delle maggiori sfide per un gruppo così numeroso di nomadi era il cibo sufficiente da mangiare. Più e più volte Dio ha fornito soprannaturalmente il suo popolo. Se Dio potesse provvedere a molte migliaia di israeliti nel mezzo di un deserto, sicuramente potrà provvedere a te e ai bisogni della tua famiglia. Una delle preziose testimonianze della Scrittura è: "Sono stato giovane e ora sono vecchio, eppure non ho visto il giusto abbandonato o i suoi figli chiedere l'elemosina per il pane" (Salmo 37:25).

Ma anche con la disposizione soprannaturale di Dio, gli israeliti si lamentavano e brontolavano nel deserto. Desideravano ardentemente il cibo che avevano lasciato in Egitto. Dio stava letteralmente fornendo pane dal cielo - abbastanza per ogni giorno - ma volevano che il suo provvedimento fosse diverso. Volevano a modo loro.

Questa lezione mi ha parlato nel corso degli anni. Chiedi a Dio di provvedere a te nel modo che ritiene opportuno. Non lamentarti dei modi soprannaturali e inaspettati di Dio.

Forse sei al lavoro e stai facendo un lavoro diverso da quello che ti aspettavi o speravi. Non sempre desiderare qualcosa di diverso. Non sognare costantemente di essere altrove, fare qualcos'altro. Essere presenti. Dai tutto per il tuo lavoro attuale e sii sempre grato (1 Tessalonicesi 5:18). Questo non significa che non puoi muoverti verso il lavoro dei tuoi sogni, ma potrebbe ispirare la fede a smettere di lamentarti del modo in cui Dio ti ha fornito nel momento attuale, e invece investirti pienamente ovunque tu sia.

2. Dio fornisce di più se stesso

Il nostro più grande bisogno è per più di Dio, e questo è qualcosa che ci dà volentieri.

“Chi di voi, se suo figlio gli chiede del pane, gli darà una pietra? O se chiede un pesce, gli darà un serpente? Se poi, che siete cattivi, sapete fare buoni doni ai vostri figli, quanto più vostro Padre che è nei cieli darà cose buone a coloro che glielo chiedono! ”(Matteo 7: 9–11)

Le Scritture ci dicono di rendere la ricerca di Dio la funzione primaria della nostra vita. Matteo 6:33 dice: "Cerca prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose ti saranno aggiunte". Il Salmo 37: 4 dice: "Delizia te stesso nell'Eterno e ti darà i desideri del tuo cuore."

John Piper ha chiesto: “Qual è la radice più profonda della tua gioia? Cosa ti dà Dio? O quale Dio è per te? ”Dio ci guida con grazia verso una maggiore consapevolezza che il nostro ultimo bisogno è per più della sua parola, più delle sue vie, più di lui.

3. L'ultima disposizione di Dio è già stata data nel Vangelo

Chiediamo a Dio molte cose, ma la cosa più grande che potremmo mai ricevere da lui è già stata data. Ciò che Dio ci ha dato nel Vangelo è anni luce avanti rispetto a ogni altra disposizione e cura che potremmo mai cercare da lui. Quando confidiamo in Cristo, abbiamo decisamente assicurato per noi ogni cosa in definitiva buona da lui. È solo una questione di tempo.

Giacomo 1:17 ci ricorda: "Ogni dono buono e ogni dono perfetto viene dall'alto, discendendo dal Padre di luci con le quali non vi è alcuna variazione o ombra dovuta al cambiamento". Ogni cosa veramente buona nelle nostre vite viene direttamente dal Padre. Il bene ultimo che ci ha fornito, attraverso il quale gran parte delle altre cose buone ci arrivano, è Gesù. Gesù è l'ultimo tesoro.

4. Dio provvede infine nell'eternità

Ebrei 11 ci offre due diverse prospettive sulla fornitura e sulla cura di Dio per noi. Alcuni, per fede, hanno attraversato questa vita vittoriosa, mentre altri hanno perso la vita. Entrambi sono lodati per la loro potente fede.

Dio non sempre ci fornisce e si prende cura di noi come ci possiamo aspettare in questa vita. La Bibbia non lo promette. Pietro, Giacomo, Giovanni e Paolo hanno dato la vita per il Vangelo. Hanno visto il Vangelo come un tesoro da non perdere a tutti i costi. Soffrirono volentieri perché avevano qualcosa nel Vangelo che aveva molto più valore.

Questa vita è fugace. Questa vita è fragile. Questa vita non è che un respiro di vapore. La prossima vita, l'età che verrà, è dove tutta la provvidenza e la cura di Dio per noi alla fine avranno senso e si uniranno nel loro insieme.

Potremmo non ricevere guarigione in questa vita, ma riceveremo una guarigione perfetta nell'eternità. Potremmo non vedere le risposte alle nostre più grandi preghiere in questa vita, ma riceveremo pienamente nell'eternità. Alcuni giorni la fornitura e la cura di Dio possono sembrare distanti, ma saranno sempre presenti nell'eternità. Desideriamo ardentemente che il nostro mondo smetta di infuriare ed essere in pace, ma la pace ultima arriverà solo nell'eternità.

I nostri cuori fanno male sotto le pressioni di questa vita, ma è solo perché siamo fatti per un altro mondo. Siamo residenti e alieni su questa terra. "Ma tu sei una razza eletta, un sacerdozio reale, una nazione santa, un popolo in suo possesso, affinché tu possa proclamare le eccellenze di colui che ti ha chiamato dalle tenebre nella sua meravigliosa luce" (1 Pietro 2: 9).

Raccomandato

20 citazioni sulla solitudine
2019
Creato per un altro mondo: ricordando CS Lewis
2019
Ci innamoriamo del sentimento del Natale: la guerra sottile nelle nostre celebrazioni
2019