Se ami Dio, ascoltalo: cinque motivi per leggere la Bibbia ogni giorno

I cristiani devono essere persone bibliche.

Nel corso degli anni, ho trascorso molte ore a supplicare la gente di vedere quella frase come vera. Purtroppo, colpisce molti come nuovi, spigolosi - o peggio, irrilevanti.

Forse è perché quelle tre parole risuonano di una delle ultime idee tabù rimaste nella nostra cultura: il fondamentalismo. Immediatamente le nostre menti postmoderne si rivolgono ai predicatori noiosi e in tre pezzi della generazione dei nostri nonni, stringendo le dita con il "Libro buono" nelle loro mani.

La nostra, diciamo, è una fede organica, non rigida, piena di cose da fare. Il nostro cristianesimo non è una religione, è una relazione. Non siamo di per sé anti-bibbia. Ci sono molte cose nella Bibbia che ci hanno aiutato e ispirato nel corso degli anni. Siamo contro quel consumo serio, rigoroso, sporco di chiodi, irrequieto della Bibbia. Ma cosa rimane in un cristianesimo che non coinvolge seriamente la parola di Dio? Purtroppo, un sentimentalismo soffice e conciso - una religione che l'intero sistema di credenze è più adatto per una tazza di caffè che per un catechismo.

Voglio darti cinque buoni motivi per trovare la tua vita nella Bibbia per il resto della tua vita. Prima di entrare nella parola di Dio, ricorda che diventare alfabetizzati alla Bibbia non significa essere più intelligenti, rafforzare il tuo curriculum spirituale o dominare la tua conoscenza sugli altri. Si tratta di guardare le pagine al Salvatore dall'altra parte. Gesù dice: “Cerca le Scritture perché pensi che in esse hai la vita eterna; ed è loro che testimoniano di me, eppure rifiuti di venire da me per avere vita ”(Giovanni 5: 39–40). Si tratta di vedere e assaporare Gesù Cristo attraverso la sua parola. Non adoriamo il carattere. Adoriamo il Padre.

1. Non puoi amare Dio e non ascoltarlo.

Alla domanda sul più grande comandamento, Gesù rispose: “Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il grande e primo comandamento ”(Matteo 22: 37–38). Non puoi amarlo con tutto il tuo cuore, anima e mente senza una dieta costante delle Scritture.

Proprio come il nostro cuore deve essere impegnato nel valorizzare Dio in modo supremo, la nostra mente deve essere egualmente impegnata nel pensare a Dio in modo giusto . Pensieri sbagliati su Dio producono amore sbagliato per Dio. Come dice Jen Wilkin, "Il cuore non può amare ciò che la mente non sa."

L'apostolo Paolo collega abitualmente il nostro amore per Dio e gli altri con una crescente conoscenza di lui. “È mia preghiera che il tuo amore possa abbondare sempre di più, con conoscenza e discernimento, in modo da poter approvare ciò che è eccellente, e quindi essere puro e irreprensibile per il giorno di Cristo, pieno del frutto della giustizia che viene attraverso Gesù Cristo, per la gloria e la lode di Dio ”(Filippesi 1: 9–11).

Arriviamo ad amare Dio di più solo conoscendo di più di lui. E impariamo di più sul nostro Dio - i suoi attributi, la sua natura e le sue promesse - ascoltando la sua parola.

2. La tua fede ha bisogno di promesse per sopravvivere.

Quando Paolo cercò di incoraggiare suo figlio imbarazzato nella fede, Timoteo, mentre stava pasturando la chiesa di Efeso, usò l'arma più potente del suo arsenale per farlo: il Vangelo.

Non vergognarti della testimonianza di nostro Signore, né di me suo prigioniero, ma partecipa alla sofferenza per il Vangelo per la potenza di Dio, che ci ha salvati e ci ha chiamati a una chiamata santa, non per le nostre opere ma per la sua il proprio scopo e la grazia, che ci ha dato in Cristo Gesù prima dell'inizio dei secoli, e che ora si è manifestato attraverso l'apparizione del nostro Salvatore Cristo Gesù, che ha abolito la morte e portato alla luce la vita e l'immortalità attraverso il Vangelo. (2 Timoteo 1: 8–10)

Commentando questo passaggio, John Piper afferma: "La cura per i cristiani deboli è un'enorme dottrina". Paolo fornisce una ricca verità come cura per la timida fede di Timoteo. E la sua cura è la nostra cura: la sana dottrina ci ha rivelato nella Bibbia. Guarda crescere la tua fiducia in lui mentre ti ancori a mille delle sue promesse ascoltando la sua voce ogni giorno.

3. Diventiamo come ciò che vediamo.

Mia figlia di 5 anni ha guardato me e mia moglie la scorsa settimana e ha annunciato: "Quando sarò grande, voglio diventare una cantante e una mamma!" Ora dove diavolo ha avuto tale ambizione? Potrebbe essere che i due adulti con cui trascorre la maggior parte del suo tempo siano solo una cantante e una mamma? Qui sta una verità antica quanto la Bibbia stessa:

Tutti noi, con la faccia svelata, osservando la gloria del Signore, ci stiamo trasformando nella stessa immagine da un grado di gloria a un altro. Perché questo viene dal Signore che è lo Spirito. (2 Corinti 3:18)

Diventiamo come ciò che vediamo. Guardare Dio nella sua parola, con la forza del suo Spirito, ha un effetto trasformante sul nostro cuore, mente e vita. Col tempo, quelli di noi che fanno come David e "mettono il Signore continuamente davanti a noi stessi" scopriranno che i nostri interessi diventano interessi di Dio (Salmo 16: 8 NASB). Scopriremo che le cose peccaminose che precedentemente amavamo sono improvvisamente meno attraenti. Troveremo la santità che inizia a fiorire nelle nostre vite. Scopriremo che stiamo iniziando ad assomigliare di più a Cristo. Il suo mezzo per la tua somiglianza è la sua parola.

4. Troverai solo la gioia che vuoi nelle parole.

Gesù trascorre un capitolo e mezzo nel Vangelo di Giovanni istruendo ed esortando i suoi discepoli. Nel mezzo del suo sermone, dice: "Queste cose che ti ho detto, affinché la mia gioia sia in te e che la tua gioia sia piena" (Giovanni 15:11). Gesù dice ai suoi discepoli che ciò che sta dicendo ai suoi discepoli è per la loro gioia!

Ogni parola di Cristo è pensata per la tua felicità eterna. Non c'è nulla che motiva una persona più della loro felicità, e la troviamo qui in bianco e nero. La tua felicità per sempre è direttamente legata a ciò che Gesù ha da dirti.

Dovremmo aggrapparci a ogni parola. E ci ha dato così tante parole: parole di promessa per la nostra gioia, parole di avvertimento per la nostra gioia, parole di incoraggiamento per la nostra gioia. Parole, parole e ancora parole, tutto per la nostra gioia in lui, per sempre.

5. C'è del lavoro da fare.

Paolo ci dice: "Tutte le Scritture sono espirate da Dio e redditizie per l'insegnamento, il rimprovero, la correzione e l'addestramento alla giustizia, affinché l'uomo di Dio possa essere completo, attrezzato per ogni buona opera " (2 Timoteo 3:16 -17).

Così tanti cristiani moderni (soprattutto giovani) hanno il desiderio di andare e fare per Dio oltre a conoscere Dio. Con così tanta ingiustizia e disuguaglianza nel mondo, è difficile per molti di noi giustificare una permanenza di un'ora su quaranta parole che un autore morto scrisse duemila anni fa. Ma le parole di Paolo non potrebbero essere più chiare: se vogliamo parlare dell'opera di Dio, dobbiamo prima parlare della parola di Dio.

La parola di Dio ci rivela le sue priorità e i suoi valori. Ci mostra cosa gli spezza il cuore e cosa lo fa cantare. Ci mostra cosa sta facendo nel mondo, nel corso della storia e proprio oggi.

La Bibbia ci insegna che Dio ama i dimenticati e i disadattati. Ci mostra il valore di guidare le nostre famiglie. Ci introduce alla generosità degli altri cristiani (2 Corinzi 8: 1–7) e ci chiama ad essere a mani aperte con ciò che Dio ci dà. Annuncia la santità di ogni vita umana e ci ispira a lottare per il nascituro. Dichiara che la razza non dovrebbe essere una barriera per l'unità dei cristiani, ma una bella occasione per essa. Ci prepariamo per ogni buon lavoro nella Bibbia .

C'è dell'oro qui per noi se vogliamo solo premere mentre leggiamo. C'è molto di più da avere oltre al comfort offerto in Coffee Mug Christianity. Se vuoi vivere per Cristo e godertelo per tutta la vita, e poi per sempre nell'eternità, immergiti in questo libro.

Raccomandato

La Chiesa ti ha ferito?
2019
Signore, liberami dalla paura
2019
Come evangelizzare i credenti professionisti
2019