Sette preghiere per coloro che ami

Cosa preghi più spesso per le persone che ami di più? La domanda rivela una quantità scomoda di noi (e delle nostre preghiere).

Innanzitutto, preghiamo per coloro che amiamo? La preghiera è uno dei modi più potenti, premurosi e amorevoli per amare chiunque amiamo. Eppure spesso lottiamo ancora per perseverare nella preghiera per gli altri. Con innumerevoli ragioni convincenti per pregare - per chiedere al Dio infinito potere, saggezza e amore di muoversi nella vita dei nostri amici, familiari e vicini - troviamo mille scuse per non farlo. Ciò che alcuni di noi hanno bisogno di ascoltare di più è semplicemente un promemoria per fermarsi e pregare per coloro che amiamo.

Ma se preghiamo per loro, ciò che preghiamo conta davvero. E spesso chiediamo a Dio meno del dovuto. Almeno so che a volte io stesso ho chiesto meno di quanto avrei dovuto - per mia moglie, mio ​​figlio, i miei genitori, la mia famiglia di chiesa. Quando pensiamo di pregare per gli altri che amiamo, le nostre menti possono essere prive di preoccupazioni pratiche e terrene - che Dio custodirebbe o migliorasse la loro salute e sicurezza, o che avrebbe prosperato ciò che fanno sul lavoro, o che avrebbe protetto il nostro rapporto con o per qualsiasi altra esigenza giornaliera o settimanale che mi viene subito in mente.

Preghiere come queste, seppur buone e perfino importanti, non sono all'altezza delle preghiere commoventi che potremmo pregare - preghiere come l'apostolo Paolo ha pregato. Se pregassimo di più come ha fatto lui, e Dio ha risposto, non saremmo in grado di impedirci di pregare di più per le persone che amiamo.

Perché preghiamo per meno

Tim Keller osserva: "È straordinario che in tutti i suoi scritti le preghiere di Paolo per i suoi amici non contengano appelli per cambiamenti nelle circostanze" ( Preghiera, 20). Pensaci. Dalle sue tredici lettere, conosciamo letteralmente dozzine di modi in cui Paolo ha pregato per i cristiani, eppure non chiede mai a Dio di cambiare le loro circostanze. Eppure questo è ciò che molti di noi pregano per la maggior parte.

Perché abbandoniamo le preghiere più piccole per le circostanze, piuttosto che pregare per le realtà spirituali più grandi, più profonde e più durature sotto ciò che vediamo e sperimentiamo? Per molte ragioni, ovviamente, ma possiamo provare a isolare una coppia.

"A parte la misericordia di Dio e le preghiere degli altri, ognuno di noi potrebbe essere indurito dall'inganno del peccato". Twitter Tweet Facebook Condividi su Facebook

In primo luogo, le preghiere più piccole diventano più facili. Naturalmente, oltre a conoscere Cristo, pensiamo (e preoccupiamo) della salute, del lavoro, dei viaggi sicuri e dei conflitti relazionali. Non ci vuole sensibilità spirituale per volere che una persona malata guarisca (o che una persona sana rimanga sana). Anche quelli che odiano Dio possono augurare una buona vita l'uno per l'altro. Le grandi preghiere simili a quelle di Paolo, tuttavia, non arrivano naturalmente. Le persone che odiano Dio non si imbattono in preghiere come queste. Per pregare queste preghiere con reale concentrazione, disperazione e speranza, è necessario che lo Spirito operi quella concentrazione, disperazione e speranza in noi. Apre gli occhi alle realtà meravigliose e terrificanti al di sotto delle nostre circostanze quotidiane.

Secondo, le risposte di Dio alle nostre più grandi preghiere sono spesso lente e meno visibili. Se preghiamo che qualcuno guarisca, potrebbe migliorare in pochi giorni o settimane. Se preghiamo affinché qualcuno viaggi in sicurezza, sappiamo come ha risposto Dio nel giro di poche ore. Se preghiamo per un colloquio di successo, possiamo scoprire molto presto come è andata. Ma se preghiamo affinché Dio renda un fratello più simile a Gesù, potremmo non vedere frutti reali e affidabili per anni. Se preghiamo affinché Dio protegga nostro figlio da Satana e da tutte le sue tentazioni, probabilmente non assisteremo a migliaia di modi in cui l'ha fatto. Se preghiamo affinché Dio mantenga fedele il nostro pastore fino alla fine, non sapremo con certezza se, o come, lo abbia fatto fino a quando quell'uomo finalmente sentirà: "Ben fatto, servitore buono e fedele" (Matteo 25:23 ).

Le grandi preghiere richiedono più grazia, più fede e più sforzi perché le realtà spirituali non vengono naturalmente in mente e perché le risposte alle preghiere più grandi sono spesso più difficili da riconoscere, almeno per ora. Per centinaia di migliaia di anni a venire, tuttavia, assaggeremo, vedremo e assisteremo alla preziosità delle grandi preghiere che abbiamo pregato: preghiere che hanno spostato le montagne nei cuori delle persone, provocando terremoti nei loro nuclei spirituali e cambiando il corso delle loro eternità.

Sette preghiere quotidiane

Poiché Paolo scrisse alle chiese, quasi tutte le preghiere che abbiamo nelle sue lettere sono per i credenti. Possiamo essere certi che ha pregato con insistenza e passione, con molte lacrime, per i perduti (Romani 9: 2–3; Filippesi 3: 18–19). Ma la maggior parte di ciò che sappiamo della vita di preghiera di Paolo si concentra su ciò che ha pregato per i suoi fratelli e sorelle nella fede, comprese queste sette grandi preghiere - preghiere che possiamo regolarmente pregare per i seguaci di Cristo che amiamo di più.

1. Apri gli occhi ancora più ampi verso di te.

La preghiera è una delle cose più potenti, riflessive e amorevoli che possiamo fare per coloro che amiamo. E la preghiera più potente, premurosa e amorevole che possiamo pregare per gli altri è che godrebbero di più di Dio. Ancora una volta, scrive Keller, "Paolo non vede la preghiera semplicemente come un modo per ottenere cose da Dio, ma come un modo per ottenere di più da Dio stesso" ( Prayer, 21). Paolo prega,

Poiché ho sentito della tua fede nel Signore Gesù e del tuo amore verso tutti i santi, non smetto di ringraziare per te, ricordandoti nelle mie preghiere, che l'Iddio del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre della gloria, possa darti lo Spirito di saggezza e di rivelazione nella conoscenza di lui, facendo illuminare gli occhi dei tuoi cuori. (Efesini 1: 15–18)

"Con innumerevoli motivi convincenti per pregare, troviamo mille scuse per non farlo." Twitter Tweet Facebook Condividi su Facebook

Poiché aveva sentito parlare della loro fede, pregava che vedessero Dio. Prega così per i credenti che ami? Paolo sapeva che abbiamo bisogno della forza interiore soprannaturale per sperimentare l'ampiezza, la lunghezza, l'altezza e la profondità dell'amore di Dio per noi in Cristo (Efesini 3: 16–19) - non solo per riceverlo, ma per sperimentarlo e crescere vivendolo. . Abbiamo bisogno di nuova grazia per godere di nuovo Dio oggi.

2. Riempi i loro cuori di amore per gli altri.

Se Dio ha risposto alla nostra prima preghiera per coloro che amiamo, quella grazia inizierà a mostrare nel loro amore per le persone.

Prego che il tuo amore abbonda sempre di più, con conoscenza e discernimento, in modo da poter approvare ciò che è eccellente, e quindi essere puro e irreprensibile per il giorno di Cristo, pieno del frutto della giustizia che viene attraverso Gesù Cristo, per la gloria e la lode di Dio. (Filippesi 1: 9–11)

Paolo fa appello a Dio per questo tipo di amore straordinario, contagioso, traboccante anche altrove (1 Tessalonicesi 3: 11–13; Romani 15: 5–6). Non pensava che i seguaci di Cristo si sarebbero amati bene. Ha chiesto a Dio di renderli sempre più amorevoli.

Non dovrebbe sorprendere che queste prime due preghiere facciano eco ai due grandi comandamenti di Gesù di amare Dio e il prossimo (Matteo 22: 37–39). Quando andiamo a pregare per il nostro coniuge, i nostri figli, la nostra famiglia di chiesa, i nostri vicini, queste sono due grandi preghiere del pilastro: Dio, apri gli occhi sempre più larghi a te e riempi i loro cuori di straripante di amore per le persone.

3. Insegna loro la saggezza della tua volontà.

Le nostre preghiere reciproche dovrebbero iniziare con un crescente amore per Dio e un amore traboccante per le persone, ma Paolo non si accontenta di quelle due grandi preghiere. Si arrampica sulle altre montagne in preghiera per coloro che ama. Prega per la saggezza e la comprensione spirituale:

Non abbiamo smesso di pregare per te, chiedendo che tu possa essere riempito con la conoscenza della sua volontà in ogni saggezza e comprensione spirituale, in modo da camminare in un modo degno del Signore, pienamente gradito a lui: portare frutto in ogni bene lavorare e accrescere la conoscenza di Dio. (Colossesi 1: 9–10)

Non cammineremo in maniera degna di Dio semplicemente perché vogliamo. Abbiamo bisogno che Dio ci insegni come . Ciò che vogliamo e perché vogliamo importare in modo massiccio a Dio, ma dobbiamo ancora imparare a camminare. Non importa da quanto tempo camminiamo, siamo tutti da qualche parte lungo il percorso del "pieno piacere", incontrando nuove opportunità e sfide ogni nuovo giorno. Per quanto lontani siamo, i prossimi passi richiedono saggezza e intuizione spirituale, non solo disciplina umana e determinazione, quindi preghiamo e chiediamo a Dio ciò che dobbiamo sapere ora.

4. Dai loro il coraggio di parlare di Gesù.

La commissione che Gesù ha lasciato per noi non avrebbe potuto essere più chiara (Matteo 28: 19–20). Potremmo dimenticarlo o trascurarlo nelle stagioni della nostra vita, ma non sarà perché l'accusa è ambigua. Dio chiama ogni seguace di Gesù per ottenere seguaci per Gesù e insegnare loro a obbedire a tutto ciò che Gesù ha detto. A tal fine, Paolo scrive,

Continua con fermezza nella preghiera, prestando attenzione al ringraziamento. Allo stesso tempo, prega anche per noi, affinché Dio possa aprirci una porta per la parola, per dichiarare il mistero di Cristo, a causa del quale sono in prigione - affinché io possa chiarirlo, ed è così che dovrei parlare. (Colossesi 4: 2–4)

"La preghiera più potente, premurosa e amorevole che possiamo pregare per gli altri è che possano godere di più di Dio". Twitter Tweet Facebook Condividi su Facebook

E chiede la preghiera altrove "che le parole possano essere date a me aprendo la mia bocca audacemente per proclamare il mistero del Vangelo, per il quale sono un ambasciatore in catene, per poterlo dichiarare audacemente, come dovrei parlare" ( Efesini 6: 19–20).

Dio agisce in tre modi miracolosi per rispondere a preghiere come queste. Prima ci dà parole da dire, poi audacia per dirle quando potremmo essere respinti (o peggio), e infine apre gli occhi spirituali dei nostri ascoltatori per vedere e comprendere il vangelo di suo Figlio. Quando preghiamo oggi per i compagni di fede, possiamo pregare che gli stessi doni di grazia siano testimoni.

5. Invia loro buoni amici nella fede.

Ancora e ancora nelle sue lettere, Paolo prega che Dio gli permetta di stare con altri seguaci di Cristo. Per esempio:

Quale ringraziamento possiamo tornare a Dio per te, per tutta la gioia che proviamo per il tuo bene davanti al nostro Dio, mentre preghiamo seriamente la notte e il giorno affinché possiamo vederti faccia a faccia e fornire ciò che manca nella tua fede? (1 Tessalonicesi 3: 9–10; anche Romani 1: 9–10; 15: 30–33)

Molti di noi, nel contesto di chiese sane, non sono mai stati così disperati per la fratellanza, non hanno mai indugiato fino a tarda notte pregando seriamente di vedere finalmente i credenti faccia a faccia. Siamo così abituati a vedere la nostra famiglia di chiese domenica dopo domenica (e altro), potremmo aver dimenticato quanto sia vitale la comunione per la vita cristiana.

A parte la misericordia di Dio e le preghiere degli altri, tuttavia, ognuno di noi potrebbe "essere indurito dall'inganno del peccato" (Ebrei 3:13) e vagare innamorato di questo mondo (2 Timoteo 4:10). Quindi, una delle preghiere più importanti che possiamo pregare per coloro che amiamo è che Dio darebbe loro una chiesa sana e fedele e alcuni amici devoti e fermi.

6. Proteggili dai nemici della loro anima.

Quando preghiamo affinché Dio cresca la gioia dei nostri cari in lui, approfondisca il loro amore per gli altri e rafforzino le loro parole su Gesù, dobbiamo sapere che incontreranno resistenza e ostilità. Paolo dovette affrontare quel tipo di opposizione ovunque andasse, quindi chiese preghiera:

Fratelli, pregate per noi, affinché la parola del Signore acceleri e sia onorata, come è successo tra voi, e che possiamo essere liberati da uomini malvagi e malvagi. (2 Tessalonicesi 3: 1–2)

Mentre preghiamo gli uni per gli altri, ricordiamo che "non lottiamo contro carne e sangue, ma contro i governanti, contro le autorità, contro i poteri cosmici su questa oscurità presente, contro le forze spirituali del male nei luoghi celesti" ( Efesini 6:12). Satana e i suoi eserciti non attaccano in modo casuale e sporadico, ma in modo specifico e implacabile. Uno dei modi più efficaci per pregare per i nostri cari è pregare contro i nemici delle loro anime.

Preghiamo con Gesù: "Non guidaci nella tentazione, ma liberaci dal male" (Matteo 6:13). Non solo io ma noi . Gesù ci insegna a pregare non solo per i nostri interessi - le nostre tentazioni, le nostre lotte, i nostri peccati assillanti - ma per pregare regolarmente e appassionatamente per gli interessi degli altri, per contare gli altri ancora più significativi di noi stessi (Filippesi 2: 3 ) nella nostra guerra contro il male.

7. Rendi Gesù bello con la loro vita.

Infine, prega affinché Gesù sia glorificato in tutto ciò che fanno.

A tal fine preghiamo sempre per te, affinché il nostro Dio ti renda degno della sua chiamata e possa adempiere a ogni decisione per il bene e ad ogni opera di fede con la sua potenza, in modo che il nome di nostro Signore Gesù possa essere glorificato in te, e tu in lui, secondo la grazia del nostro Dio e del Signore Gesù Cristo. (2 Tessalonicesi 1: 11–12)

Paolo racchiude tre grandi preghiere in una. Innanzitutto, chiedi a Dio di focalizzare e purificare le loro ambizioni. Non si tratta solo di una soluzione, ma di una soluzione per il bene, non solo di qualsiasi lavoro, ma di opere di fede . Le nostre preghiere aiuteranno a proteggerli da cattive risoluzioni e opere di sé.

"Uno dei modi più efficaci di pregare per i nostri cari è pregare contro i nemici delle loro anime." Twitter Tweet Facebook Condividi su Facebook

In secondo luogo, chiediamo a Dio di dare loro non solo la forza per il loro lavoro, ma la sua forza per il loro lavoro. Se queste soluzioni e opere stanno per glorificare Dio, devono essere "con il suo potere", non le loro. Vogliamo che l'energia divina e l'abilità si riversino attraverso di loro mentre lavorano e servono.

Infine, e più chiaramente, abbiamo bisogno che Dio compia la sua opera attraverso di loro - per completarla e renderla feconda (Filippesi 1: 6, 11). In breve, abbiamo bisogno che lui si glorifichi in tutto ciò che loro (e noi) fanno.

Grazie a Dio per Grace You See

Se Dio risponde a queste preghiere, vedremo il frutto nel tempo - e dovremmo ringraziarlo tutte le volte che lo vediamo. Uno dei modi migliori per alimentare i fuochi delle nostre grandi preghiere per gli altri è lodare Dio per ciò che lo vediamo fare dentro e attraverso di loro.

Questa è la preghiera che Paolo scrisse tutte le altre volte: "Ringrazio il mio Dio per te". Perché la tua fede sta crescendo (2 Tessalonicesi 1: 3). Perché hai amato bene i santi (Efesini 1: 15–16). A causa della tua collaborazione nel Vangelo (Filippesi 1: 3–5). Perché ti ha donato e ti ha dato una maggiore conoscenza di se stesso (1 Corinzi 1: 4–7). Perché il Vangelo si sta diffondendo attraverso di te (Romani 1: 8). Perché non hai perso la speranza in Gesù Cristo (1 Tessalonicesi 1: 2–3).

Quante volte diamo per scontato il frutto spirituale, ringraziando Dio invece per le benedizioni più piccole e più circostanziali? Le opere più grandi, più preziose e più durature di Dio (come le sette sopra) non si adattano perfettamente a un giorno o una settimana. Per notarli, dobbiamo guardare più da vicino e per mesi e anni. Ma quando vediamo, davvero vediamo, le mani di Dio all'opera nel cuore di qualcuno che amiamo, poche realtà ispireranno la nostra fede, intensificheranno la nostra gioia e rafforzeranno le nostre vite di preghiera come queste risposte alla preghiera.

Raccomandato

Quali sono le qualifiche per anziani e diaconi?
2019
Che cos'è un discepolo?
2019
Adatto per la distruzione
2019